Piccole sfoglie di mela e arancia

Avevo voglia di preparare un dolce veloce e facile, da accompagnare al tè della sera, a una tisana alla vaniglia da assaporare mentre lavoro al computer. Qualcosa di semplice, da annotare e riproporre per una visita improvvisa di un’amica. Queste sfoglie di mela e arancia mi ricordano quelle che mangiavo da ragazzina, ripiene di marmellata ai frutti di bosco, con le finestrelle nella pasta dorata che lasciavano intravedere il ripieno.

Read More »

La ciambella al cioccolato per le feste

Il nostro primo albero di Natale l’abbiamo comprato circa sei anni fa in un centro commerciale e all’ultimo minuto. All’epoca abitavamo in un appartamentino al centro davvero grazioso, con pareti colorate, un enorme divano arancione  e un caminetto che non abbiamo mai acceso. Il campanello non funzionava e per arrivare alla nostra casa dovevi fare tre piani di scale, quelle lunghissime dei vecchi palazzi, che sembravano non finire mai. Ma aveva una soggiorno ampio e un bel tavolo grande, attorno al quale abbiamo riunito tanti amici, e una cucina piccola ma deliziosa dove ho scoperto una passione vera.

Read More »

Un albero di Natale di biscotti per la cena della vigilia

Ho ritrovato la magia del Natale. Era finita sotto una spessa coltre di polvere e quotidianità, routine, cose da fare, liste, elenchi, doveri. Poi è arrivato lo scirocco caldo, nuovi progetti, lavori, tante cose da fare e un terremoto di 80 cm, con boccoli ramati da fare invidia ai cherubini, a restiturimi quello che avevo perso.

Ho fatto un salto indietro nel tempo, a quando amavo alla follia questo periodo e mi nascondevo in cima alle scale sperando di cogliere Babbo Natale con le mani nel sacco. Ed è di nuovo musica natalizia da canticchiare, biscotti da infornare, decorare, casa da addobbare con un entusiasmo e una felicità che non pensavo di poter provare ancora, di nuovo, come tanto tanto tempo fa.

Non riesco a stare ferma e compro tagliabiscotti natalizi, tortiere, penso già al menù della vigilia, ai dolci da fare e a come apparecchiare. Questo Natale sarà magico e voglio organizzare ogni cosa nel minimo dettaglio. Per questo sono andata a colpo sicuro dalla mia amica Laura e insieme abbiamo scelto un bellissimo servizio di piatti della Wedgwood,  i teli natalizi e un calendario dell’avvento della Linum, tutte cose bellissime che renderanno la tavola ancora più speciale.

Può sembrare ancora un po’ presto ma sto già prendendo appunti per il menù della vigilia, cercando ispirazione tra i miei libri e nelle vecchie riviste di cucina anche se poi deciderò tutto qualche giorno prima. In compenso so già quale sarà il centrotavola: un albero di natale di biscotti. I biscotti saranno ricoperti di fondente bianco e palline di zucchero argentate perchè mi piace l’idea che anche il dolce segua in qualche modo la linea dei piatti che ho scelto. Per il giorno di Natale invece lascerò i biscotti al naturale spolverandoli all’ultimo minuto con zucchero a velo e cannella.

Un centrotavola che può trasformarsi in un gioco divertente, se dopo il caffè porto in tavola del cioccolato fondente fuso in cui intingere queste stelline di pasta frolla. Come tocco finale della frutta secca tostata e già tritata, per ricoprirli e rendere il tutto ancora più goloso e croccante.  Per realizzare in maniera veloce questo albero di Natale potete usare dei tagliabiscotti di diverse misure oppure utilizzare il Christmas cookie tree Kit della Wilton. Voi avete già deciso cosa preparare?

albero di natale di biscotti 0025

albero di natale di biscotti 0012

albero di natale di biscotti 0074

albero di natale di biscotti 0106

albero di natale di biscotti 0128

 

 

Decoriamo con i bambini i biscotti per Natale

I libri che mi hanno fatto compagnia da piccola sono ancora ben conservati nella libreria di casa. Sopravvissuti al tempo, alle mani poco garbate di una ragazzina maldestra e disordinata, così come a innumerevoli traslochi. Quando ogni tanto mi prende la nostalgia e rileggo qualche capitolo, hanno ancora il potere di portarmi indietro nel tempo. Alle serate in cui sognavo di avere il coraggio di Jo March, l’entusiasmo di Pollyanna o il desiderio di salvare “Fantasia” insieme a Bastiano e Atreiu. I personaggi che hai amato e con i quali sei cresciuto sono come degli amici lontani, non li vedi mai, ma sai che ci sono, e anche se hai la febbre, se fuori piove e sei costretto a stare a casa, in loro compagnia non ti senti mai solo.

Questo amore per le storie, per i libri, per mondi incantati, questa passione, questa voglia di credere in qualcosa, questa voglia di sognare a occhi aperti vorrei riuscire a trasmetterla, regalarla. Sto iniziando con piccoli libri di legno abitati da strani animali, anche se oggi le parole sono ancora un difficile enigma, non è mai troppo presto per sognare mondi meravigliosi o desiderare nuovi amici con cui vivere avventure, correndo a perdifiato verso l’ultima pagina per scoprire il finale e riscriverlo ancora mille volte.

In questa mia ricerca di libri per bambini, di storie, di favole, ho trovato un posto bellissimo, che non posso definire semplicemente libreria, perchè ha qualcosa di speciale che ti colpisce quando varchi la porta per la prima volta. Non sono solo i libri che riempiono gli scaffali, opere meravigliose con illustrazioni che fanno volare la fantasia e ti fanno venire voglia di imparare a disegnare, non è solo per i giochi in legno e cartone, non è solo per la sala al piano superiore in cui si organizzano corsi creativi e letture avvincenti. Non è solo per quello che puoi vedere, toccare o comprare, ma è soprattutto per quello che percepisci e senti, per la passione che attraversa le parole e vola oltre il bancone arrivando a te forte e chiara. Questa piccola magia è opera di Monica, che come un personaggio scappato fuori da uno dei suoi libri, accoglie con un sorriso radioso chiunque entri da “Per filo e per segno“!

Monica conosce ogni libro, ogni storia, li sceglie personalmente senza lasciarsi trascinare dalle mode letterarie.  Legge e racconta favole ai bambini che vanno a trovarla e insegna ai più piccoli, che la guardano con occhioni grandi e spalancati, come si arriva “sull’isola che non c’è“.

Nella saletta al piano superiore ogni settimana vengono organizzari incontri, letture dedicate ai bambini e piccoli corsi creativi. Dato che ormai manca un mese a Natale, insieme a Monica abbiamo pensato di proporre un piccolo incontro aperto ai bambini, per decorare con loro i biscotti da appendere all’albero di Natale o da lasciare davanti al camino insieme a un bicchiere di latte, la notte del 24 dicembre. Con noi ci sarà anche una scuola di inglese, così da rendere ancora più divertenti le nostre chiacchiere.

Decoreremo biscotti di pan di zenzero con la pasta di zucchero, un modo semplice e veloce per realizzare decorazioni a tema lasciando libero spazio alla fantasia. Per maggiori informazioni e prenotazioni potete contattare Monica. Io vi aspetto con i biscotti per l’ora del tè.

 

 

biscotti decorat 0002

biscotti decorat 0014

biscotti decorat 0018

biscotti decorati0003

per filo e per segno 0080

per filo e per segno 0103

per filo e per segno 0138

per filo e per segno 0140

Una torta di zucca profumata di spezie

Vicino a casa mia c’è un delizioso negozio di prodotti biologici. Mi piace andarci spesso, hanno ingredienti difficili da trovare altrove e tante farine interessanti. Amo questa vasta scelta e la possibilità di cambiare e provare nuovi miscugli. C’è un angolo delizioso dedicato allo zucchero, dove a colpo sicuro trovo quello che ormai uso in quasi tutte le ricette, lo zucchero di canna integrale così come il Muscovado, con quel colore ancora più scuro e quel profumo intenso simile al caramello. Ho sempre una buona scusa per andarci, può essere la melassa per il pan di zenzero, il latticello per il pane, il cioccolato extra fondente per la torta della domenica o il Bulgur.

Ci sono andata anche pochi giorni fa per la solita spesa settimanale e mentre sceglievo alcune verdure da cuocere al vapore, ho visto una bellissima zucca dal colore acceso e brillante e non ho saputo resistere alla tentazione. Una volta tagliata e messa da parte la meta’ necessaria per il pranzo, è avanzata proprio la quantità giusta per preparare anche la “torta di zucca”.

Questa è una di quelle ricetta da trascrivere sul quaderno e tenere sempre a portata di mano, perchè il risultato è una torta davvero morbida, profumata di spezie al punto giusto. Servita accompagnata da una glassa di zucchero a velo e un pizzico di mandorle tostate e ancora più buona. Per non sbagliare mi sono affidata alle indicazioni di Epicurious e ho fatto bene. E così questa è diventata la mia ricetta preferita per trasformare una semplice zucca in un dolce goloso.

torta di zucca 0027

torta di zucca 0063

“Cookies” con farina di farro, nocciole e gocce di cioccolato

Nell’aria si sente che manca poco più di un mese a Natale. Lo vedo nelle vetrine dei negozi, nelle mail che ricevo, nei post che leggo. E’ tutto un accendersi di rosso, di iniziative, eventi, mercatini e decorazioni a tema che fanno la loro comparsa nelle corsie dei centri commerciali. E’ uno dei momenti dell’anno che amo di più, con l’albero di Natale, i pacchetti da incartare, le canzoni da canticchiare, i maglioni pesanti, le scatole di cioccolatini e i biscotti.

Biscotti da sgranocchiare dopo cena mentre guardo per l’ennesima volta il film “Piccole donne”, biscotti da decorare e appendere all’albero di Natale, scatole di latta bellissime e un po’ vintage da riempire di biscotti e regalare agli amici. Biscotti per Babbo Natale, perchè arrivare fin qui dal Polo Nord è un lungo viaggio e anche lui ha bisogno di un buon “comfort food” prima di ripartire verso nuove e mirabolanti avventure con le renne.

I biscotti sono facili, rilassanti e divertenti, puoi impastarli dopo cena e andare a dormire con la casa che profuma di cioccolato e zucchero caramellato, profumi così dolci e rilassanti che non potranno che regalarti sogni dolcissimi e una colazione golosa al risveglio. Questi semplici “Cookies” con farina di farro, nocciole e gocce di cioccolato così scuri, profumati e golosi, si preparano in pochissimo tempo ed entrano di diritto nella lista dei miei dieci biscotti preferiti.


COOKIES 0133

cookies 0047 1

cookies 0089

Torta con farina integrale e zucchero di canna

Nonostante le temperature siano ancora piacevoli, l’autunno inizia a fare capolino. Lo senti la sera nell’aria più fresca, lo vedi nelle foglie che cadono dagli alberi ricoprendo le strade e i marciapiedi, e in quella luce dorata e speciale che filtra attraverso le nuvole minacciose e gioca a nascondino tra i rami degli alberi. E’ piacevole godersi questo inizio tardivo, camminare nei viali del parco quasi deserti e sedersi sulle panchine e guardare l’altalena andare su e giù, tra le risate squillanti e piccole dita curiose che indicano un mondo immenso e ancora inesplorato.

L’autunno è da sempre la mia stagione preferita, fatta di domeniche in campagna con il fuoco che arde nel camino, di passeggiate alla ricerca di funghi attraversando il fiume con gli stivali di gomma, e poi su verso i sentieri che conosco così bene, oltre il muretto a secco distrutto dai cinghiali fino al grande prato con le grandi querce, ogni anno più imponenti. L’autunno, le nuvole, la pioggia non mi rendono malinconica e triste ma allegra e piena di energia.

Questo è anche il momento perfetto per cucinare, per andare al mercato il sabato mattina, per girare tra i banchi e lasciarsi trasportare dai profumi e dai sapori. Adoro i banchi con la frutta secca, con quei meravigliosi enormi cesti colmi di nocciole tostate, mandorle, pistacchi, arachidi. Tutti ingredienti perfetti per le torte della domenica o per biscotti ricchi e croccanti, da conservare in cucina in una scatola di latta.

La torta con farina e zucchero di canna integrale nasce proprio dagli ultimi acquisti di un sabato a spasso tra il mercato e i negozi di prodotti biologici. La farina integrale mi piace per il suo sapore forte, così come lo zucchero di canna per quel colore così scuro che regala ai dolci un aspetto caramellato e goloso. Insieme sono un connubio perfetto e questa torta ha la consistenza giusta per finire inzuppata nella tazza di latte al mattino, con il suo sapore così forte, deciso e non troppo dolce.

torta integrale 0076

torta integrale 0013
alberi 0084

alberi 0145

paolo al parco 0094

Quattro quarti al cioccolato fondente e banane

Ho il quaderno pieno di appunti, disegnini, torte scarabocchiate e ho ripescato dall’armadio la mia tovaglia più bella. Quella ricca di decori e ricami, relizzata con un tessuto leggero quasi trasparente, un regalo di mia madre di qualche anno fa. La userò per apparecchiare la tavola la prossima settimana, per un compleanno davvero speciale, il suo primo compleanno.

Al centro della tavola ci sarà la mia alzata preferita, quella semplice in ceramica bianca, la base perfetta per questa piccola torta a due piani che immagino semplice e delicata, con un tocco di celeste in mezzo a tutto quel bianco. Per finire ho trovato il “Bunting cake topper” che si adatta perfettamente al mio progetto e lo posso realizzare a casa con l’aiuto di cartoncini colorati, colla e un pizzico di fantasia.

So che sarebbe più comodo ordinare la torta e farmela consegnare direttamente a casa, ma voglio preparala da sola nonostante la mancanza di tempo, i normali intoppi quotidiani e soprattutto quelle manine appiccicose che mi tirano il grembiule ogni volta che provo ad accendere il forno. Perchè preparare dolci per le persone che ami è sempre bellssimo, un ricordo da aggiungere agli altri.

Nei rari momenti in cui la casa è immersa nel silenzio butto giù qualche idea, poi cancello tutto e vado avanti così alla ricerca della mia torta perfetta che immagino alta, con una base soffice, delicata e tanta crema al cioccolato. Mentre leggo nuove ricette alla ricerca di ciò che mi occorre, trovo in un blog qualcosa che mi fa riflettere, sorridere e che utilizzerò come nuova filosofia in cucina: “Non importa se la torta non sarà perfetta o non esattamente come la immaginavate, prepararla dovrebbe essere divertente, in fondo è solo una torta!”

La quattro quarti al cioccolato fondente e banane nasce proprio da tutti gli esperimenti fatti per trovare la base più adatta ed è stata una deliziosa scoperta che replicherò nei prossimi giorni. Questa torta è davvero buona e rimane cremosa all’interno grazie al cuore di banane tagliate a fette sottili. Da mangiare fetta dopo fetta, accompagnata da una tazza di tè.

 


quattro quarti cioccolato e banane 0040

quattro quarti cioccolato e banane 0056

torta cioccolato e banane 0129

 

Torta di mele, mandorle e cannella per festeggiare un compleanno speciale

Ho sempre amato il mio compleanno, anche da grande, anche oggi che non ho lunghe liste di desideri da esprimere ma solo un numero spropositato di candeline da soffiare. Quello appena trascorso è stato un anno magico, faticoso, colmo di momenti meravigliosi e allo stesso tempo difficili, un anno di incognite e sorprese un anno che difficilmente scorderò. Un anno volato in un soffio, dove i giorni sono diventati in un attimo settimane e poi mesi.

Questo però è un compleanno molto speciale, l’ultimo dei trenta e il primo da mamma, e sono tante emozioni da gestire, da capire e da affrontare. Per farlo ci sarà tempo. Oggi voglio solo festeggiare, dare spazio alle cose belle della vita, e inizio scartando un regalo che ho comprato per me: un nuovo libro di ricette.

Preparerò per noi una grande “torta di mele, mandorle e cannella“, un dolce semplice ma profumatissimo, morbido e buono, reso così scuro dallo zucchero di canna integrale che si lascia mangiare fetta dopo fetta, accompagnato da una tisana o da una spremuta di frutta. Per festeggiare in maniera speciale non servono che poche cose, una giornata di autunno rischiarata da un timido sole, una torta appena sfornata e un pranzo in famiglia.

torta di mele 0051 1

TORTA DI MELE 0084 copia

torta mandorle 0033

Whoopie pies

L’estate è ancora qui, a dispetto di quello che dice il calendario, ci tiene compagnia in questi ultimi giorni di settembre e l’autunno rimane sulla porta come un ospite indesiderato. Allora facciamo i turisti del weekend, saliamo in macchina e andiamo a fare passeggiate nei piccoli paesini sul mare. Guardiamo i gabbiani sui pontili, il sole che si riflette sull’acqua e i pochi turisti rimasti che pranzano nei ristoranti all’aperto. Ci sembra quasi di essere in vacanza, con ritmi lenti, camminando senza fretta e senza meta.

Siamo qui, in un momento di perfetta felicità, siamo noi e potremmo essere felici ovunque, per il solo fatto di essere noi. Penso che dovrei farlo più spesso, alzarmi la mattina presto, abbandonare i programmi, gli orari, infilare qualcosa da mangiare in un cestino, una giacca sulle spalle e andare alla ricerca di qualcosa di bello, di meraviglioso,  per costruire ricordi, fotografare istanti e chiuderli in un album, per riguardarli fra dieci anni e sorridere.

Alla fine di questa vacanza a due passi da casa, avevo voglia di preparare un dolce e da tempo avevo in mente una ricetta, così ho indossato il mio grembiule preferito, ho cercato nella dispensa i pochi ingredienti necessari e ho preparato dei deliziosi Whoopie pies, semplici dolcetti formati da due dischi di pasta tenuti insieme da una crema.

Questi piccoli dolci sono perfetti per ravvivare la solita merenda. Si prestano a mille interpretazioni e sposano i gusti di chiunque, per la mia versione sono rimasta sul classico, con una semplice base al cioccolato, trovata nel libro “One girl cookies“,  e una crema al cioccolato bianco.


whoopies pies 0036

whoopies pies 0028